La giornata mondiale contro la droga

Nel giorno della giornata  mondiale contro la droga, il 26 giugno, sono  state messe in evidenza, con i dati alla mano, le problematiche maggiori relative all’uso delle sostanze stupefacenti. Purtroppo i dati non sono affatto incoraggianti perché  i consumatori nel mondo sono 275 milioni di persone e il 5,6 % della popolazione nella fascia di…

Genitori e figli alla pari nel bisogno di realizzazione

I tradizionali ruoli genitoriali, caratterizzati da una ben definita concezione del padre e della madre, nel tempo sono cambiati. Sono diventati aperti e liquidi allo stesso momento; di autorità e assenza allo stesso modo; di modello e di mancanza di riferimento tale da creare spesso confusione. Basti pensare quanti genitori infondono regole sull’utilizzo dei social…

L’uso dell’alcol nei giovani

Si parla spesso delle droghe in generale ma forse viene rivolta poca attenzione all’uso dell’alcol fra i giovani. I dati ci informano che sono circa 700 mila i ragazzi che normalmente fanno uso di alcolici, un mercato più libero e meno controllato di quello delle altre sostanze. I ragazzi, soprattutto la fascia di età di…

Il piano didattico personalizzato

Di fronte alle diverse esigenze cognitive di tanti alunni, il PDP (Piano Didadttico Personalizzato), consente di adeguare l’offerta formativa dell’istituzione scolastica ad un percorso didattico più efficace ed adeguato. Non esiste l’uniformità nel processo di apprendimento, ogni alunno possiede un proprio stile cognitivo, più o meno strutturato, con difficoltà logiche, operative, metodologiche. Spesso è il metodo di…

Bullismo o microcriminalità?

Gli atti di bullismo sono sempre più frequenti La diversità è ancora considerata da molti un aspetto negativo e “stonato” che non si uniforma ai target di una società nella quale l’apparenza, la forza e l’esteriorità sono fondamentali per affermarsi. Come sappiamo il bullismo è definito un insieme di atti ripetuti nel tempo a danno…

La dispersione scolastica

La dispersione scolastica è un fenomeno complesso e multifattoriale. Le cause del fenomeno possono essere ricondotte sia a livello individuale che sociale. Particolare importanza riveste il contesto socio culturale di provenienza perché nell’ambiente familiare deprivato gli stimoli educativi non risultano adeguati ed efficaci. Molte famiglie hanno problemi economici che incidono fortemente sulle necessità primarie del…

Nella “rete” dell’apparire

Prevalentemente, viviamo della cultura del web, con gli annessi e connessi pericoli e risorse. Tra i pericoli la rete si configura come una spirale del grande fratello virtuale dove si è soliti spiare e spiarci attraverso i social media.  Apparentemente tesi all’esterno, a guardare dalla finestra, ci si dimentica cosa vi è al di qua…

Il mondo sommerso

Il mercato della droga, oggi sotto gli occhi di tutti, rivela uno scenario di degrado oltre misura. Abbiamo vissuto o convissuto ormai da tanti anni con un mondo parallelo velato spesso dall’omertà e dalla paura che lega pusher e consumatori, carnefici e vittime. Zone centrali e periferiche di città mostrano resti di una guerra senza…

Capire l’iperconnessione nella mente dei teenager

Inutile confermare come la cultura digitale stia modificando i nostri comportamenti; sempre più orientati con gli occhi sullo smartphone, sempre più attenti a percepire il bip della notifica di qualche messaggio postato o ricevuto che sia. Conseguenzialmente al comportamento si associa sempre un modo di pensare, di essere di cui la cultura digitale sta influenzando…

Educazione alla salute

L’educazione alla salute soprattutto in questo periodo storico deve mirare a far acquisire agli adolescenti il giusto equilibrio L’educazione alla salute a scuola si basa soprattutto sulla prevenzione primaria cioè l’informazione capillare su comportamenti a rischio. Di fronte ad adolescenti alla ricerca della propria identità è necessario dare indicazioni corrette sullo sviluppo psicofisico  in atto…