Basta compiti!

È noto come i compiti assegnati a casa siano vissuti dai ragazzi come un impegno gravoso che toglie spazio al tempo libero e agli interessi extra scolastici. Esiste la rete “Basta compiti” che porta avanti questo discorso spiegando l’inutile e anche dannoso esito per un insegnamento- apprendimento efficace e permanente. Il manifesto della petizione “Basta…

Educare alla diversità

I bambini non hanno pregiudizi ne’ strutture mentali in grado di discriminare secondo principi religiosi o etnici. Per questo educare alla diversità fin da piccoli è un compito molto importante per genitori ed educatori. In ambito scolastico la socializzazione e l’integrazione rappresentano percorsi educativi in grado di creare un ambiente di relazioni utili alla crescita…

Il piano didattico personalizzato

Di fronte alle diverse esigenze cognitive di tanti alunni, il PDP (Piano Didadttico Personalizzato), consente di adeguare l’offerta formativa dell’istituzione scolastica ad un percorso didattico più efficace ed adeguato. Non esiste l’uniformità nel processo di apprendimento, ogni alunno possiede un proprio stile cognitivo, più o meno strutturato, con difficoltà logiche, operative, metodologiche. Spesso è il metodo di…

Si può insegnare senza annoiare?

Gli alunni sembrano sempre più demotivati, assenti, poco coinvolti nello studio Le discipline scolastiche restano sempre le stesse, soprattutto quelle che riguardano la cultura storica e letteraria, il sapere ancorato alle radici delle nostre conoscenza. Insegnare ora più che mai è diventata una sfida, un tentativo spesso non riuscito di attirare interessi, desideri e curiosità….

La dispersione scolastica

La dispersione scolastica è un fenomeno complesso e multifattoriale. Le cause del fenomeno possono essere ricondotte sia a livello individuale che sociale. Particolare importanza riveste il contesto socio culturale di provenienza perché nell’ambiente familiare deprivato gli stimoli educativi non risultano adeguati ed efficaci. Molte famiglie hanno problemi economici che incidono fortemente sulle necessità primarie del…

Il valore simbolico della fiaba

Da piccoli tutti abbiamo ascoltato o letto delle favole. Forse oggi i bambini sono più attratti dai giochi multimediali che prevedono stimoli di connessione rapidi e spesso meccanici, essi non alimentano certamente la riflessione e  lo sviluppo di schemi concettuali di elaborazione del pensiero personale. La narrazione, sotto forma di lettura o di ascolto, ha…

TV spazzatura?

È raro trovare un programma televisivo che trasmetta informazione e cultura. Siamo inondati da talk show privi di spessore, infarciti di gossip che scandagliano la vita dei personaggi vip nei minimi particolari, tutto si consuma con superficialità e pura apparenza, senza rispetto della privacy, dei sentimenti, delle emozioni.. Eppure siamo spesso videodipendenti perché la TV…

Il mondo sommerso

Il mercato della droga, oggi sotto gli occhi di tutti, rivela uno scenario di degrado oltre misura. Abbiamo vissuto o convissuto ormai da tanti anni con un mondo parallelo velato spesso dall’omertà e dalla paura che lega pusher e consumatori, carnefici e vittime. Zone centrali e periferiche di città mostrano resti di una guerra senza…

I nostri limiti interni

Ci si propone di essere felici, di raggiungere un obiettivo, di prefissarsi uno stato di bene-essere, eppure, qualcosa ci ostacola. «In verità vi dico: se avrete fede pari a un granellino di senapa, potrete dire a questo monte: spostati da qui a là, ed esso si sposterà, e niente vi sarà impossibile» (Mt 17,20). Con…

Capire l’iperconnessione nella mente dei teenager

Inutile confermare come la cultura digitale stia modificando i nostri comportamenti; sempre più orientati con gli occhi sullo smartphone, sempre più attenti a percepire il bip della notifica di qualche messaggio postato o ricevuto che sia. Conseguenzialmente al comportamento si associa sempre un modo di pensare, di essere di cui la cultura digitale sta influenzando…