La persona come sistema “aperto”

Il termine generico di sistema indica un insieme comunque complesso e ben determinato formato da un gran numero di elementi funzionali connessi tra loro per formare un tutto organico e fornire un determinato valore. I sistemi possono essere chiusi o aperti.

Il primo è caratterizzato da rigidità e fissità strutturale che non presuppongono trasformazioni e cambiamenti tali da alterare il contenuto e l’organizzazione dello stesso.

Il sistema chiuso è destinato alla disorganizzazione perché non scambia energia e informazioni con l’ambiente esterno.

La persona può essere considerata un sistema aperto perché gli scambi suddetti contribuiscono a mantenere lo stato del sistema oppure ad alterarne l’organizzazione e la complessità.

La persona quindi è un sistema autoregolato e autocostruito fuso nel contesto, essa dispone di processi cognitivi, rappresentativi e linguistici che sono soggetti a cambiamenti e tendono a modificare nel corso del tempo le caratteristiche del loro contesto.

Le persone sono sistemi viventi autopoietici che si costruiscono sul piano energetico-materiale e sul piano cognitivo.

Negli esseri umani le componenti strutturali sono le parti del corpo mentre le componenti funzionali sono le attività che esso svolge (pensare, parlare, ecc.).

Il sistema persona è caratterizzato da diversi livelli che riguardano la sfera biologica, psicologica e operativa.

La persona biologica è formata da organi, ognuno dei quali ha il suo funzionamento che attraverso la specializzazione dei componenti possono generare attività diverse.

Mediante la specializzazione si costruisce lo sviluppo umano ( es. inizio di lettura in un bambino che pian piano acquisisce il significato delle parole).

La persona psicologica ha necessità di elaborare le informazioni che consentono la costruzione delle rappresentazioni generali, esse possono essere immaginative, astratte e linguistiche e seguono il naturale sviluppo evolutivo del soggetto mediante attività varie (ragionamento, decisione, pianificazione, previsione).

La persona in azione è quella che interagisce con il contesto esplicando le sue funzioni, dalle più semplici ( muoversi, lavorare, mangiare) alle più complesse ( comunicare, raccogliere informazioni, interiorizzare schemi comportamentali e mettere in atto azioni orientate verso un fine).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *