La TV influenza i comportamenti adolescenziali

Uno studio pubblicato su Journal of Youth and Adolescence dimostra che la Tv vista da piccoli ha la capacità di influenzare i successivi comportamenti in età adolescenziale.

Se quanto visto da piccoli ha un forte carico di violenza può allora indurre comportamenti violenti in età adolescenziale.

Non è certo il primo studio che ha evidenziato un legame tra programmi Tv, internet, videogame e comportamenti giovanili.

Lo studio ha interessato 820 ragazzi delle scuole superiori.

Indipendentemente da altri fattori interni o esterni, quali un ambiente svantaggioso, fattori psicologici, clima familiare coercitivo, si evince un forte legame tra i programmi preferiti a sette anni ed atteggiamenti in età adolescenziale; al crescere della violenza contenuta nei programmi preferiti, aumenta l’inclinazione alla violenza nei ragazzi.

0 commenti Aggiungi il tuo

  1. Marco Bastianello ha detto:

    Lo studio sembra concentrarsi su un carattere oggettivo della violenza, tralasciando o dando per scontato che si sappia che l’essere umano non è un’antenna radio-tv dal medesimo stimolo possono nascere esperienze personali e dunque ipotetiche conseguenze future molto diverse, forse anche opposte.
    Inoltre si parla di programmi preferiti che sarebbero la causa di una personalità violenta. A me sembra che anche il più banale buon senso mostri come l’implicazione, semmai, abbia il senso opposto o siano da prendere in considerazione entrambi i sensi. Personalmente il senso dei miei pensieri mi porta a dire che un individuo violento prediliga programmi o attività consone a questa sua natura e che dunque tali attività siano semmai la conseguenza e non la causa. Ad un esame più tranquillo si può riconoscere che certe scelte in fatto di tv o di qualunque altra cosa possano essere tanto la conseguenza delle caratteristiche dello spettatore, quanto la causa del rafforzarsi delle medesime che pure le hanno determinate (fenomeno banalmente noto come “circolo vizioso”). Guardare il fenomeno dalla sola prospettiva che ci permette di prendercela con un facile oggetto d’odio non ci aiuterà molto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *