Tecnologie e scuola, che cambiamento!

A partire dagli anni ’80 si è osservato un cambiamento epocale nelle scuole, con l’introduzione del computer in classe come strumento di apprendimento.

L’introduzione non è certo stata semplice anche a causa della complessità di utilizzo di queste nuove tecnologie che ha messo in difficoltà gli insegnanti. Tuttavia la nuova società ha imposto in modo crescente un ammodernamento del sistema formativo.

Queste innovazioni consentono a chi ne usufruisce di sviluppare, potenziare, esercitare la proprie capacità. Consentono di sviluppare un atteggiamento meta cognitivo, ovvero la capacità di riflessione sulla propria attività cognitiva. Inoltre consentono di gestire e trasformare le informazioni, ovvero un apprendimento attivo. Avvantaggiano la co-costruzione, ovvero la costruzione comune, privilegiata rispetto ai risultati personali.

Perché questo accada è evidente che gli insegnanti devono trasformare le proprie competenze professionali, adattando la didattica. Questo ha risvolti importanti sulla motivazione e sul senso di efficacia dei ragazzi. L’uso di queste tecnologie accompagna a modalità sociali, alla manipolazione di strumenti correlati ad un ragionamento contestualizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *