Torturata e violentata 14enne da compagne di scuola – Francia

Tratto dal Corriere

Le aguzzine sono tre giovani tra i 15 e i 18 anni

Il fatto è avvenuto il 4 settembre, primo giorno di scuola in Francia, nella banlieu a ovest di Parigi. La vittima è una 14enne

PARIGI – Una ragazzina di 14 anni è stata torturata e violentata da tre compagne di classe di età tra i 15 e i 18 anni. Il fatto è avvenuto lo scorso 4 settembre, primo giorno di scuola in Francia, a Sonchamp, nel dipartimento Yvelines, a sud-ovest di Parigi. Quattro ragazzine come tutte le altre, una sera qualunque in quella camera nel convitto di Sonchamp, banlieue sud della capitale francese, che dividevano da pochi giorni. All’improvviso, il dramma: tre di loro, forse a causa di un alterco dovuto al fumo o al suo letto che cigolava, se la prendono con la quarta e la picchiano, la seviziano, la violentano per tutta la notte. È successo lunedì scorso in questo centro scolastico per la formazione professionale riservato ad adolescenti "difficili", ragazzi e ragazze che hanno subito violenze o dei quali i genitori non possono occuparsi e che sono stati destinati al centro dalla giustizia.

ALLIEVE ORDINARIE, SECONDO IL PRESIDE – La vittima, 15 anni a ottobre, era arrivata a Sonchamp fine agosto. Le sue tre compagne di stanza avevano dai 15 ai 18 anni: «allieve ordinarie» secondo il preside della scuola, Jean-Claude Lebreton, «ragazzine assolutamente normali come quelle che si incontrano ogni giorno per strada», secondo fonti giudiziarie. Eppure capaci di una cruda violenza, scoppiata forse dopo che la vittima le aveva denunciate agli educatori perché fumavano in camera, o, secondo altre fonti, solo perchè il letto della ragazzina cigolava.

L’ESPLOSIONE DELLA VIOLENZA – Le tre adolescenti, di cui una sola maggiorenne, hanno picchiato la compagna con pugni e calci, le hanno spento mozziconi di sigaretta sulle mani e sulle gambe e infine l’hanno violentata con una gruccia. La ragazzina non aveva avuto il coraggio di denunciarle, ma aveva lasciato un messaggio (trovato poi da un educatore) su uno dei computer del centro in cui raccontava le violenze subite – ma senza fare direttamente allusione allo stupro. Intanto anche una delle sue compagne di stanza aveva confidato quello che era successo ad un altro educatore. Due delle tre aguzzine erano poco conosciute nella scuola, dove erano arrivate il 30 agosto, mentre la terza, l’unica maggiorenne e la principale accusata per le violenze sessuali, stava a Sonchamp già da un anno.

IL CARCERE – Le tre, ora alla prigione femminile di Versailles con l’accusa di "violenze gravi e stupro accompagnato da atti di barbarie", sono secondo Lebreton «traumatizzate per l’atto commesso», mentre la vittima, rimasta a Sonchamp, «vorrebbe dimenticare quello che è successo, continuare i suoi studi in orticultura e si sente stigmatizzata dai media». Quella sera, comunque, «niente poteva far intuire quello che sarebbe successo» dice Lebreton, anche se la direttrice dell’azione sociale, dell’infanzia e della salute del comune di Parigi Patrizia Orsini sostiene che «certi studenti commettono atti abominevoli». Il comune di Parigi, che gestisce il centro, ha dichiarato che «non sono mai accaduti fatti così gravi» in un luogo d’accoglienza come quello di Sonchamp, si tratta infatti di «episodi drammatici rarissimi» e che non hanno, secondo il direttore dell’Osservatorio nazionale della delinquenza scolastica Erci Debarbieux «niente a che vedere con la violenza scolastica».

LA VIOLENZA TRA LE RAGAZZE – Rarissimi ma non inesistenti: secondo lo psichiatra Xavier Pommereau, intervistato da Le Parisien, «succede sempre più spesso che le ragazze assumano comportamenti maschili dirigendo la loro violenza verso gli altri». Questo tipo di violenza «ha il solo scopo di far male» spiega lo psichiatra, sottolineando che «la violenza fra adolescenti è molto meno rara di quanto si pensi, ed è in aumento». Lo testimoniano diversi fatti di violenza tra ragazze accaduti in Francia negli ultimi anni: nel marzo 2002 due ragazzine di 13 e 14 anni sfregiano il viso di una compagna e le tagliano le vene, qualche mese dopo quattro adolescenti di 14 anni stuprano e seviziano una loro compagna di scuola in una cantina. Nel settembre 2003 quattro giovani dai 15 ai 18 anni incendiano la cassetta della posta di una ex amica provocando un incendio che uccide 18 persone. E nel luglio scorso cinque adolescenti dai 14 ai 17 anni cercano di strangolare un’amica con del filo elettrico in una casa d’accoglienza in Picardie.

13 settembre 2006

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.