Arriva tra i banchi di scuola il diario shock – happy bunny

Il nuovo diario del coniglio più sfacciato d’America ha fatto indignare l’Italia! Ed è subito scandalo!! Si tratta del diario Happy Bunny, un concentrato di insulti, frasi irriverenti, attacchi a genitori ed anziani.
Un coniglio irriverente, che dice che gli anziani puzzano, che la scuola è bella pechè c’è un sacco di gente da prendere per il culo e via così, con alcune delle stupidaggini in stile goliardico Usa.

Su repubblica.it il sottosegretario alla Solidarieta Sociale Cristina De Luca oltre a criticare la pubblicazione del diario sottolinea che:
Contenuti come quelli pubblicati nel diario non vanno sottovalutati. Ci sono frasi più comuni come quelle riferite alla scuola o ai genitori che sono da sempre nel vocabolario dei ragazzi. Le offese all’anziano però sono sintomo di un problema più grande: la perdita del dialogo tra generazioni. Anni fa, simili frasi erano impensabili. Da questo punto di vista siamo davanti alla punta di un iceberg".

Tratto da Repubblica&giovani

Offese ai vecchi, critiche a scuola e genitori, linguaggio scurrile
I consumatori insorgono, la Solidarietà Sociale ne chiede il ritiro

In libreria arriva il diario-trash
è scandalo, scatta la denuncia

ROMA – Non appena arrivato sugli scaffali è scoppiato lo scandalo. Definirlo irriverente è poco, si tratta del diario più difficile da digerire che la storia dell’editoria scolastica ricordi. L’associazione di consumatori Arco, ha subito imboccato la via della Procura della Repubblica di Pescara e chiesto anche l’intervento del garante della comunicazione. Il Sottosegretario alla Solidarietà Sociale ne ha chiesto l’immediato ritiro. Dure reazioni da parte della Commissione Istruzione del Senato, dall’Osservatorio sui diritti dei minori e dal sindacato pensionati Cgil.

Le frasi scandalo dell’agenda scolastica "Happy Bunny", prodotta dalla "Gutedizioni" di Milano, lasciano poco spazio alla fantasia, si legge un po’ di tutto. Da quelle di ispirazione filosofica come "la scuola ti prepara alla vita, e fanno schifo tutte e due", ad attacchi a genitori ed anziani: "I genitori sono degli sfigati, ma ti mollano la paghetta", "Non dobbiamo odiare i vecchi. Sono così perché puzzano", "adoro spaventare a morte i vecchi" e infine "i vecchi devono andarsene fuori dalle …".

I primi a drizzare le antenne sono stati i membri dell’associazione consumatori di Pescara Arco. "Si tratta di messaggi quotidiani distruttivi privi di pensieri positivi e persino razzisti. Istigano a comportamenti antisociali e sono fortemente in contrasto con i valori garantiti dalla nostra costituzione quali la solidarietà, il rispetto per la persona, il rispetto delle istituzioni". Immediata la denuncia alla Procura della Repubblica di Pescara ed altrettanto celere l’allarme ai genitori invitati non soltanto a boicottarne l’acquisto ma anche, quando se ne ravvisano gli estremi di illegalità, a procedere con denunce e segnalazioni.

"La scuola è una figata. C’è un sacco di gente da prendere per il culo" o ancora "Mi piace la scuola. Ci sono un sacco di ragazze che te la danno". Frasi che se fossero scritte sui muri susciterebbero solo commenti di biasimo ma che stampate sulle pagine di un diario hanno sollevato un polverone tanto grande da arrivare alle porte del Ministero.

"Chiediamo il sequestro immediato della pubblicazione -ha spiegato il sottosegretario alla Solidarietà Sociale Cristina De Luca- è incredibile che possano essere stampati e messi in commercio libri per le scuole con frasi e messaggi di stampo razzista nei confronti degli anziani. Quando si tocca la materia scolastica è necessario un supplemento di attenzione e di rigore".

Lapidario il commento del deputato dei Verdi e capogruppo in Commissione Cultura Roberto Poletti, favorevole al ritiro dell’agenda: "E’ un vergogna che un editore abbia consentito una simile pubblicazione. Una simile accozzaglia di stupidità non può stare sui banchi di scuola, luogo per eccellenza di educazione e serietà. Non è questa l’educazione che vogliamo per i nostri figli".

Sul diario choc, è intervenuto anche il segretario generale del sindacati pensionati della Cgil, Betti Leone: "Non bisogna comparlo anzi, bisogna coinvolgere i ragazzi in una discussione seria. Bisogna capire perchè a qualcuno è venuto in mente che un prodotto simile possa funzionare sul mercato. Se qualcuno ha pensato di inseguire una moda giovanilistica ha fatto un errore fondamentale – ha aggiunto – La nostra è una società che tende ad invecchiare e non c’è futuro per i giovani se non c’è un patto intergenerazionale, se gli anziani non vengono considerati come una risorsa".

"Non basta che il diario contenga come prefazione o postfazione l’invito a non prendere seriamente in considerazione i contenuti", ha commentato Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio sui diritti dei minori, "Non c’è ragione infatti che giustifichi quella che è una vera e propria induzione alla maleducazione". Un giudizio condiviso dal vicepresidente della Commissione istruzione di Palazzo Madama Maria Pellegatta: "Va immediatamente ritirato. È diseducativo, insultante, in nessun modo associabile all’idea di scuola e istruzione".
(27 luglio 2006)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *