Il trattamento della balbuzie con la teatroterapia

Cos’è la balbuzie? La balbuzie costituisce un disturbo di regolazione verbale che impedisce la produzione di un linguaggio fluente nell’ambito della relazione interpersonale. Tale patologia distingue un sottotipo tonico, in cui il soggetto presenta un arresto all’inizio della parola, con prolungamenti sillabici e del suono, e uno clonico, in cui si verifica la ripetizione continuata…

Lontani ma vicini, la scoperta di una nuova identità

La socializzazione è un processo molto importante soprattutto nei primi anni di vita quando il bambino comincia a interagire con il mondo circostante per acquisire abilità cognitive, procedurali, linee di condotta e giudizi morali. La socializzazione dura tutta la vita perché ognuno di noi è inserito in un contesto sociale che lo influenza e lo…

Effetto boomerang della distruzione degli ecosistemi

Secondo il WWF molte delle malattie emergenti, compresa quella provocata dal Corona Virus, sono la conseguenza indiretta dell’impatto dell’azione umana sugli ecosistemi naturali. I Corona Virus sono una grande famiglia di virus diffusi in molte specie animali compreso l’uomo con cui spesso convivono in equilibrio. Quando una specie di virus patogeni passa da una specie…

Echi dal silenzio

C’è un silenzio irreale e distante, una caligine piatta e insidiosa che distende le sue ombre, fantasmi quotidiani di un tempo senza tempo. Il silenzio penetra pian piano nelle nostre vite, dilata i pensieri, si alza come una marea sommergendo terra e cielo, passato e presente. Il futuro è distante, davanti a noi un muro…

Il funzionamento della memoria contestuale

Tra le numerose funzioni della memoria troviamo quella che consente di rievocare la fonte e le circostanze specifiche durante i quali è stato vissuto, registrato e immagazzinato un evento. Così, rivivendo una situazione che presenta stimoli e dimensioni simili a quelli che hanno caratterizzato la registrazione dell’evento, sarà possibile rievocare le informazioni contestuali correlati allo…

La misura delle distanze

Il termine “prossemica” e’ stato introdotto dall’antropologo E.T.Hall nel 1963 per definire lo spazio di relazione (fisico, psicologico, emotivo) tra gli esseri umani. Questo concetto di spazio si estende anche agli esseri viventi in termini di “territorialita”, luogo d’incontro e di comunicazione mediata dai cinque sensi. Hall definisce la prossemica “lo studio dei metodi con…

Genitori efficaci a comunicare

Alla ricerca di una comunicazione influente e autorevole, oggi sempre più genitori utilizzano con i figli messaggi prepotenti o supplichevoli. Questa oscillazione si riflette inevitabilmente nella loro relazione con i figli. Da messaggi poco chiari a frasi ambigue, mamme e papà si sentono frustrati dalla consapevolezza non solo di non raggiungere l’obiettivo desiderato (far cessare…

Sono solo canzonette?

Il festival di San Remo entra a pieno titolo negli avvenimenti più importanti della cronaca italiana. Le canzoni, da sempre, esprimono sentimenti ed emozioni, ognuno di noi ha un cantante e un genere musicale preferito, spesso i brani ci ricordano periodi della nostra vita nei quali abbiamo desiderato e sognato nuove sensazioni e altri orizzonti….

Lo stile pedagogico nella ricerca del bello

I bambini sono molto curiosi di natura e spesso le loro domande ci sorprendono. La naturalezza e la semplicità nel dare loro delle risposte è un modo per avvicinarli alla conoscenza di tanti e svariati fenomeni della natura. Per questo motivo le attività prescientifiche rappresentano un approccio qualitativamente importante per la conoscenza dell’ambiente. L’uso dei…

Una vita in velocità

La moderna società ha la sua regola dello “stare al passo con i tempi”, ma i tempi già sono vecchi, sorpassati. Lo sforzo è tale che si vive in un costante stress di cambiamento. Un vecchio film di successo, “Il sorpasso”, di Dino Riso, (1962) è l’epilogo di una drammaticità di due generazioni, uno studente…